Italiano
  
Menu

La Strada del Vino Prosecco

La Strada del Vino Prosecco

La strada del vino prosecco
 

Quest'oggi grazie alla Dott.ssa Micaela Tonetto, guida autorizzata che collabora con noi da molti anni per programmare e gestire tour in provincia di Treviso e in visita alle Ville Venete, vi presentiamo uno degli itinerari più richiesti per la provincia di Treviso.

il tour della strada del vino prosecco, originariamente denominata Strada del Vino Bianco, inaugurata nel lontano 1966, prima arteria enologica italiana.


Il tour culturale-enogastronomico si snoda tra le colline della parte settentrionale della provincia di Treviso, lungo l'anfiteatro naturale che si apre tra Conegliano e Valdobbiadene, due città del vino.
È un territorio ricco di fascino, di suggestioni ed attrattive storiche ed artistiche: castelli antichi, monumenti ed edifici sacri. Si propone la visita di Conegliano, patria del pittore Cima da Conegliano., 

di cui si può tutt’oggi ammirare nel Duomo una splendida pala raffigurante la “Sacra Conversazione”, Conegliano sorge in una posizione privilegiata a ridosso delle Prealpi Trevigiane.

Il centro storico, l’antica Contrada Granda, edificato prevalentemente lungo via XX Settembre e Piazza Cima, ospita numerosi palazzi rinascimentali con decorazioni in pietra scolpita e affrescati.

Conegliano è oggi il secondo centro abitato della provincia, dopo il capoluogo Treviso, e insieme a Valdobbiadene il riferimento del Distretto del Prosecco Superiore Conegliano Valdobbiadene Docg, eletto a luglio 2019 Patrimonio Unesco.

Nel percorso si sosta a San Pietro Di Feletto, dove meritano attenzione gli affreschi per poi proseguire verso Refrontolo per la visita al Molinetto della Croda, un angolo suggestivo della Marca Trevigiana.

 

 

 

 

 

 

Si visita Follina, che è uno dei Borghi più Belli d’Italia con la sua splendida abbazia cistercense di Santa Maria di Follina, detta anche di Sanavalle, fu edificata su una precedente struttura benedettina del XII secolo,splendido il chiostro mirabilmente scolpito nel 1268, su cui si affacciano vari ambienti tra i quali la Sala del Capitolo e il grande refettorio.

 

 

 

 

 

 

 

ovviamente sono tantissime le cantine della zona che val la pena visitare, per apprendere la passione, la tradizione e la cultura che si possono trovare dentro un calice di Prosecco.
 

Vai all'articolo precedente:Andremo presto nelle Marche .
Vai all'articolo successivo:Vicenza, la città dei Gioielli
Commenti:
0
Commenta
  • * Nome
  • * E-mail
  • * Commento
Assicurati di spuntare la casella "Non sono un robot" per inviare la richiesta
LoginAccount
Torna su
Cookie Image